Migranti di rotta e di governance - Cover Image
Nel giorno del trentesimo anniversario dell'inizio della guerra civile jugoslava inauguriamo questa serie di storie centrate sui Balcani: rotta dei migranti, ma anche terreno di conquista e di interesse da parte delle potenze mediterranee, che fanno leva sulla religione, sui traffici d'armi e di droga, sul controllo delle vie di comunicazione e di rifornimento energetico.
La fortezza Europa ha blindato le sue frontiere ormai da anni: la via del mare è pattugliata, i campi di concentramento libici in mano ad aguzzini istruiti da militari italiani, le barchette lasciate affondare con il loro carico di umanità dolente dall'indifferenza delle acque di competenza... i migranti sono usati come masse di richiedenti asilo lasciati filtrare da autocrati che lucrano sulla paura atavica dell'invasione che attanaglia gli europei benestanti. Si continuano a elargire tranche di miliardi a Erdoğan e a costituire missioni in Africa a contenere il flusso di persone in fuga dalle ruberie e devastazioni dell'Occidente stesso. Il tappo messo a sud, sposta molto del traffico sull'asse balcanico e dopo l'inferno greco – che da tempi omerici chiama "βάρβαρος" chi non è culturalmente ascrivibile alla famiglia... Gli ellenici non sono xenofobi, perché al ξένος era d'obbligo dare ospitalità; non hanno mai riconosciuto come simili tutti quelli che non risalgono alla medesima cultura... e quella è l'eredità della "cultura classica" per tutte le civiltà occidentali.
Nel giorno del trentesimo anniversario dell'inizio della guerra civile jugoslava inauguriamo questa serie di storie centrate sui Balcani: rotta dei migranti, ma anche terreno di conquista e di interesse da parte delle potenze mediterranee, che fanno leva sulla religione, sui traffici d'armi e di droga, sul controllo delle vie di comunicazione e di rifornimento energetico. La fortezza Europa ha blindato le sue frontiere ormai da anni: la via del mare è pattugliata, i campi di concentramento libici in mano ad aguzzini istruiti da militari italiani, le barchette lasciate affondare con il loro carico di umanità dolente dall'indifferenza delle acque di competenza... i migranti sono usati come masse di richiedenti asilo lasciati filtrare da autocrati che lucrano sulla paura atavica dell'invasione che attanaglia gli europei benestanti. Si continuano a elargire tranche di miliardi a Erdoğan e a costituire missioni in Africa a contenere il flusso di persone in fuga dalle ruberie e devastazioni dell'Occidente stesso. Il tappo messo a sud, sposta molto del traffico sull'asse balcanico e dopo l'inferno greco – che da tempi omerici chiama "βάρβαρος" chi non è culturalmente ascrivibile alla famiglia... Gli ellenici non sono xenofobi, perché al ξένος era d'obbligo dare ospitalità; non hanno mai riconosciuto come simili tutti quelli che non risalgono alla medesima cultura... e quella è l'eredità della "cultura classica" per tutte le civiltà occidentali. read more read less
  • Capziosi strumenti di contrasto al soccorso in mare
    4 Dec, 2022 - 39:25
  • Grandi mobilitazioni polacche orfane di profilo politico incisivo
    21 Mar, 2022 - 15:45
  • Se non tutti sono liberi non è libero nessuno
    28 Nov, 2021 - 12:40
  • Acab anche nei Balcani il problema sono loro
    28 Nov, 2021 - 12:04
  • L'infame delazione della banalità del Male
    28 Nov, 2021 - 06:14
  • Pragmatica complicità della distribuzione quotidiana
    28 Nov, 2021 - 05:29
  • Alta tensione per l'emergenza bosniaca
    26 Nov, 2021 - 21:56
  • Lo snodo di Tenerife sulla rotta atlantica
    19 Nov, 2021 - 19:36
  • La condizione umana nei campi di Sarajevo: Ušivak
    25 Jun, 2021 - 26:19
  • There are no episodes.
Loading