00:00
07:18
Il linfoma diffuso a grandi cellule B è la forma più comune di linfoma non-Hodgkin. Dal congresso della società americana di ematologia, l’ASH, arrivano notizie importanti per i pazienti con questa patologia che sono ricaduti o risultati refrattari a trattamenti precedenti, pazienti per i quali c'è un forte bisogno di nuovi trattamenti efficaci. Al meeting stati presentati infatti nuovi dati di uno studio chiamato GO29365 che confermano come l'aggiunta di un coniugato anticorpo farmaco chiamato polatuzumab vedotin alla chemioimmunoterapia con bendamustina e rituximab offra diversi benefici a questi pazienti e come questi benefici si mantengano nel tempo, anche a lungo termine. Ne parliamo in quest’intervista con la dottoressa Annarita Conconi, responsabile della SOSD di Ematologia dell’Ospedale degli Infermi di Biella.
Il linfoma diffuso a grandi cellule B è la forma più comune di linfoma non-Hodgkin. Dal congresso della società americana di ematologia, l’ASH, arrivano notizie importanti per i pazienti con questa patologia che sono ricaduti o risultati refrattari a trattamenti precedenti, pazienti per i quali c'è un forte bisogno di nuovi trattamenti efficaci. Al meeting stati presentati infatti nuovi dati di uno studio chiamato GO29365 che confermano come l'aggiunta di un coniugato anticorpo farmaco chiamato polatuzumab vedotin alla chemioimmunoterapia con bendamustina e rituximab offra diversi benefici a questi pazienti e come questi benefici si mantengano nel tempo, anche a lungo termine. Ne parliamo in quest’intervista con la dottoressa Annarita Conconi, responsabile della SOSD di Ematologia dell’Ospedale degli Infermi di Biella. read more read less

3 years ago #ash2020, #b, #cellule, #conconi, #diffuso, #grandi, #linfoma, #polatuzumab, #vedotin