00:00
01:26
In questo brano, breve e pieno di ironia, Marcello fornisce in realtà un “super-concentrato” di informazioni: l'organizzazione del territorio, ovvero il “popolo”, che identificava le diverse comunità in relazione alla propria chiesa, oggi diremo parrocchiale, di riferimento; le relazioni tra le comunità dove la festa, in cui laicità e religiosità coesistevano sempre, costituisce l'elemento centrale di incontro; l'idea di appartenenza alla propria comunità. La pista che si suggerisce è quella di chiedere ai ragazzi in quali luoghi e occasioni “fanno socialità”, rivolgendo poi la stessa domanda ai loro nonni e genitori. Si consiglia di ascoltare anche la precedente sequenza n. 4 che, sotto altri punti di vista, affronta questi stessi temi.

(in copertina, Mino Maccari (1898-1989) "Marcello racconta")

In questo brano, breve e pieno di ironia, Marcello fornisce in realtà un “super-concentrato” di informazioni: l'organizzazione del territorio, ovvero il “ popolo ”, che identificava le diverse comunità in relazione alla propria chiesa, oggi diremo parrocchiale, di riferimento; le relazioni tra le comunità dove la festa, in cui laicità e religiosità coesistevano sempre , costituisce l'elemento centrale di incontro; l'idea di appartenenza alla propria comunità. La pista che si suggerisce è quella di chiedere ai ragazzi in quali luoghi e occasioni “fanno socialità”, rivolgendo poi la stessa domanda ai loro nonni e genitori. Si consiglia di ascoltare anche la precedente sequenza n. 4 che, sotto altri punti di vista, affronta questi stessi temi. (in copertina, Mino Maccari (1898-1989) "Marcello racconta" ) read more read less

about 1 year ago