Dopo la sconfitta della legge Zan la lobby gay riparte all'attacco

Dopo la sconfitta della legge Zan la lobby gay riparte all'attacco