Il pubblico ha sempre ragione?