In Italia le norme che ancor oggi regolano i cimiteri, vecchie come impostazione di oltre un secolo.
Sono ancora basate sulla predominanza di sepoltura in campo comune e con qualche tumulazione stagna.
Invece la realtà attuale è profondamente diversa. In vent’anni la cremazione viene ora scelta per 1/3 dei defunti, ma la media è fallace: il fenomeno ha diviso l’Italia in zone ad alta e bassa incidenza della stessa: al Nord anche oltre il 50%, al Centro sul 30%, al Sud attorno al 15%.
I bisogni cimiteriali sono pertanto profondamente diversi tra Nord e Sud, tra grande città e piccolo comune, a maggior ragione in presenza di un impianto di cremazione nelle vicinanze.
Si analizza la situazione sempre più precaria delle gestioni cimiteriali e si espongono possibili rimedi:
-occorre aprire i cimiteri alla vita urbana, rendendoli non solo luoghi di memoria storica della collettività, ma anche spazi di vita di una comunità
-la pianificazione urbanistica cimiteriale deve essere accompagnata da una attenta pianificazione economico finanziaria di lungo termine
-l’introduzione di modalità innovative di sepoltura delle urne cinerarie, contrastando la tendenza all’affidamento familiare di queste ultime.
In Italia le norme che ancor oggi regolano i cimiteri, vecchie come impostazione di oltre un secolo. Sono ancora basate sulla predominanza di sepoltura in campo comune e con qualche tumulazione stagna. Invece la realtà attuale è profondamente diversa. In vent’anni la cremazione viene ora scelta per 1/3 dei defunti, ma la media è fallace: il fenomeno ha diviso l’Italia in zone ad alta e bassa incidenza della stessa: al Nord anche oltre il 50%, al Centro sul 30%, al Sud attorno al 15%. I bisogni cimiteriali sono pertanto profondamente diversi tra Nord e Sud, tra grande città e piccolo comune, a maggior ragione in presenza di un impianto di cremazione nelle vicinanze. Si analizza la situazione sempre più precaria delle gestioni cimiteriali e si espongono possibili rimedi: -occorre aprire i cimiteri alla vita urbana, rendendoli non solo luoghi di memoria storica della collettività, ma anche spazi di vita di una comunità -la pianificazione urbanistica cimiteriale deve essere accompagnata da una attenta pianificazione economico finanziaria di lungo termine -l’introduzione di modalità innovative di sepoltura delle urne cinerarie, contrastando la tendenza all’affidamento familiare di queste ultime. read more read less
  • La funzione del cimitero
    26 Nov, 2022 - 16:20
  • Effetti della crescita della cremazione
    26 Nov, 2022 - 09:51
  • Come intervenire per evitare il collasso cimiteriale
    26 Nov, 2022 - 12:09
  • Intervento Dr. Mauro Felicori assessore cultura regione Emilia Romagna a SEFIT10 - Ferrara - 25/11/22
    27 Nov, 2022 - 06:48
  • Intervento ing.Daniele Fogli a SEFIT10 - Ferrara - 25/11/22
    28 Nov, 2022 - 23:30
  • Intervento dott. Sereno Scolaro a SEFIT10 - Ferrara - 25/11/22
    29 Nov, 2022 - 14:14
  • Intervento Luca Cimarelli amministratore unico Ferrara TUA a SEFIT10 - Ferrara - 25/11/22
    29 Nov, 2022 - 12:33
  • Intervento Dr. Antonio Muggittu Direttore ASPES Pesaro a SEFIT10 - Ferrara - 25/11/22
    29 Nov, 2022 - 06:48
  • There are no episodes.
Loading