Settings
Light Theme
Dark Theme
Podcast Cover

Radio 32 - La Radio che Ascolta

  • Alla scoperta della propria voce. Intervista a Marco e Nicola di affermazionevocale.it - Pride Croisette 2024

    14 JUN 2024 · https://affermazionevocale.it/ è un progetto, un percorso progettato per guidare l’utente nella scoperta del proprio potenziale espressivo, attraverso l’esplorazione della voce e del corpo ed è rivolto soprattutto a persone transgender e gender diverse. Tecniche provenienti dalla logopedia sono integrate con approcci provenienti dall’esperienza teatrale e cinematografica e dall’interpretazione canora. Nello splendido contesto del Pride Croisette 2024, conosciamo Marco Santini, logopedista dell’età evolutiva e esperto di affermazione vocale per persone transgender e gender diverse, e Nicola Sorrenti, attore, che si occupa di Affermazione Espressiva attraverso tecniche ed esercizi utili ad acquisire una maggiore consapevolezza delle proprie modalità comunicative non verbali e delle proprie qualità di movimento, fondamentale per superare gli stereotipi legati all’espressione di genere e trovare una propria modalità autentica di comunicare. Con loro parliamo di voce, pregiudizi, salute, comunicazione e diritti lgbtq+ e ci facciamo raccontare la nascita di questo progetto, nato in un contesto d'aiuto e supporto, che integra aspetti sanitari, formativi, artistici ed espressivi e si rivolge ad una 'minoranza', con tutto ciò che questo comporta, ossia l'affrontare determinate difficoltà in un contesto ancora troppo spesso ostile e incapace di comprendere, valorizzare e vivere le differenze. E prima dell'intervista, nello stand del Disability Pride Italia che ci ospita, incontriamo un amico di vecchia data, Simone Piccirilli. Buon ascolto!
    47m
  • HP VIP RADIO LIFE (Senza Censura) - Episodio 1: Riflessioni sull'amore

    13 JUN 2024 · Vi presentiamo il primo episodio del nuova serie podcast di Radio 32 'HP VP RADIO LIFE (Senza Censura)', dal titolo 'Riflessioni sull'amore'. Un gruppo di ragazzi con disabilità cognitive, una serie di viaggi per superare pregiudizi, tabù, barriere culturali che limitano benessere, felicità, partecipazione. Senza Censura. Buon ascolto! Il podcast nasce per raccontare il backstage del progetto "HP VIP MOVIE LIFE - Senza Censura" realizzato dall'associazione di promozione sociale 'Tempo Relativo' ed il centro Madill. Hp Vip Movie Life è un progetto ed una sitcom via web che documenta esperienze di un gruppo di ragazzi 'VIP'. Hp è l’unità di misura della POTENZA di un motore. H indica la parola Handicap, condizione di chi, in seguito a una o più menomazioni, fisiche o mentali, ha una ridotta capacità d'interazione con l'ambiente sociale rispetto a ciò che è considerata la norma, pertanto è meno autonomo nello svolgere le attività quotidiane e spesso si trova in condizioni di svantaggio nel partecipare alla vita sociale. VIP è l’acronimo di Very Important Person, individuo di grande notorietà e prestigio del mondo politico, economico, finanziario, artistico o sportivo. Il progetto HpVIP mette in evidenza la POTENZA relazionale di giovani adulti “portatori d’handicap”, nel nostro caso con disabilità cognitive. Abbiamo un paradigma da scardinare: sei normale e puoi accedere alla felicità solo se hai un lavoro. Molte volte la “potenza” dei ragazzi non è valorizzata in quanto, per questioni economiche ed organizzative, si creano gruppi non tenendo conto delle esigenze dell’individuo, delle tappe evolutive e delle inclinazioni personali. L’handicap porta con se retaggi culturali legati all’assistenzialismo e alla marginalità. Il progetto HpVIP Movie Life punta all’eccellenza, dove l’esperienza si spoglia del “pietismo” e del “buonismo” e si nutre di visibilità, di protagonismo, di partecipazione, di straordinario. Very Important Person in quanto la PERSONA diventa soggetto importante per la società alla quale appartiene. Il gruppo HpVIP è composto da giovani adulti di età compresa fra i 18 e i 30 anni, con disabilità cognitiva medio lieve, che non sono facilmente collocabili presso le strutture presenti nel territorio, rispetto ai bisogni individuali specifici. Infatti i Centri Socio Educativi, i Centri Diurni Disabili, i Servizi Formativi per l’Autonomia sono tutti servizi che raccolgono, in contenitori molto ampi, i molteplici e differenti bisogni di ragazzi e giovani adulti. I progetti di vita sono legati a paradigmi non reali: per essere socialmente inseriti e avere un’identità personale si deve lavorare, si deve produrre, si devono capitalizzare le risorse personali finalizzandole al guadagno e alla produttività. Ma tutti noi abbiamo bisogno di essere riconosciuti e abbiamo bisogno di stimoli.  Abbiamo bisogno d’imparare e abbiamo bisogno di sperimentare il mondo. Abbiamo bisogno di fare esperienza ma soprattutto d’imparare dalle esperienze. Abbiamo bisogno di ricordi e abbiamo bisogno di condividerli. Abbiamo bisogno di evoluzionare, mantenendo viva la capacità di sognare. Il gruppo è composto da non più di 6/8 ragazzi/e intercettati tramite le reti territoriali, le Associazioni e i Servizi Sociali del territorio. Il progetto pone molta attenzione e cura alla costituzione del gruppo e alle esigenze del singolo. L'https://www.temporelativoaps.it ha come obbiettivo dare valore. Dare valore delle risorse delle persone, ai luoghi, agli incontri, alle nuove opportunità generate dalla collaborazione fra differenti realtà. Dare valore al tempo, focalizzandolo su ciò che realmente è importante, relativamente ai valori che scegliamo di portare nel mondo. Dare valore, tramite progetti, alle realtà sociali che hanno bisogno di crescere e fiorire.Dare valore a tesori dimenticati, prendendo il tempo necessario per riscoprirli riportandoli così alla luce. Tutto è importante...relativamente allo sguardo di chi porta un bisogno, a chi lo vede, a chi sceglie d'accoglierlo. C'è sempre tempo... relativamente all'importanza che scegliamo di dare a ciò in cui crediamo. Tutto è relativo... nulla è subordinabile all'importanza delle persone.​L'associazione TempoRelativo misura lo scorrere del tempo non in minuti ma in cambiamenti. Il tempo scorre a differenti velocità, in base a quanti anni abbiamo, a come stiamo, a dove abitiamo, a quello che stiamo facendo e con chi lo stiamo facendo. ​Lo scopo dell'associazione è creare progetti rivolti a tutte le fasce d'età, dai bambini agli anziani, dedicando il tempo necessario a produrre cambiamenti volti alla crescita personale e al benessere psico fisico.  ll https://www.centromadill.it si fonda sull'idea che ogni persona, da quando nasce, intraprende un viaggio, fa esperienze e apprende. Noi offriamo supporto ai viaggiatori, affiancandoli nelle tappe difficili, sostenendo i cambi di rotta, prendendoci cura di corpo, mente e anima. Non esiste un'unica strada per raggiungere la propria meta, ma il sentiero giusto al momento giusto. I professionisti del Centro Madill hanno come obiettivo il benessere delle persone che si affidano a Loro, diventando per un tempo di vita, compagni di viaggio Insieme all'associazione Ipse Lab APS nasce l'idea di accompagnare questo progetto attraverso una serie di podcast in cui racconteremo il backstage dei viaggi intrapresi da questo gruppo di ragazzi, accompagnati da educatori e operatori, alla scoperta di nuove esperienze. Con la necessità di abbattere pregiudizi e barriere culturali che ne limitano il benessere e la felicità.  Il loro viaggio, è un viaggio veramente importante per tutte e tutti.  Le loro esperienze possono aprire nuove possibilità a tante persone. Come progetto di comunicazione e come associazione, abbiamo deciso di metterci in acolto e di dare voce a questa bellissima esperienza. Per mettere al centro le persone, la loro unicità, le loro esigenze oltre la diagnosi e un approccio di cura troppo incentrato sulla malattia e incacape di leggere la vita e l'umanità delle persone con i loro bisogni, con i loro desideri. Sostienici in questo progetto. https://www.paypal.com/donate/?hosted_button_id=TFWGS5F8LRTRU.
    42m 8s
  • Da Tripoli a Roma. Immaginare e costruire nuovi passaggi sicuri, ne parliamo con Edgardo Maria Iozia

    8 JUN 2024 · Refugeesinlibya, insieme alla sua alleanza, ha organizzato un evento di due giorni di dibattiti e formazione (31 maggio e 1 giugno), dal titolo 'Da Tripoli a Roma. Immaginare e costruire nuovi passaggi sicuri', con l’obiettivo di immaginare e costruire nuove vie d’ingresso legali dalla Libia in Italia e di ampliare quelle esistenti. Hanno partecipato figure istituzionali di Roma Capitale, della Chiesa Cattolica ed Evangelica, delle Organizzazioni Internazionali, dell’Università, del Sindacato, del Lavoro, delle ONG di mare e di terra, di avvocati, giornalisti e membri delle reti di movimenti sociali delle città accoglienti “Siamo molto orgogliosi – dichiara David Yambio, portavoce di Refugees in Libya – che l’alleanza a sostegno del nostro movimento si stia allargando, ma non basta. Più di 200 difensori dei diritti umani sono ancora bloccati in Libia, dove ogni giorno rischiano di venire catturati e deportati nei lager, dove ogni giorno migliaia di persone sono vittime di violenze, stupri, torture e uccisioni. Perciò, in questi due giorni faremo sentire la nostra voce per chiedere che vengano immediatamente evacuati dalla Libia verso un Paese sicuro”. L'evento si è svolto presso Pontificia Università Gregoriana (il 31 maggio) e presso SPIN TIME LABS (l'1 giugno). Ne parliamo con Edgardo Iozia, tra i fondatori della Fondazione Prosolidar, membro dell'Osservatorio mercato Interno dell'EESC - European Economic and Social Committee, attivista del gruppo Melitea che sta aiutando attivamente e in prima persona Refugeesinlibya. Con lui parliamo di #migrazione e criminalizzazione della #solidarietà e ci facciamo raccontare le tante storie raccolte in questi anni di aiuti umanitari. Un doloroso bagno di realtà che ci mostra la banalità del male di un'Europa incapace di seguire il diritto internazionale e di affrontare con umanità il dramma di tante persone che scapano da guerre e/o, sempre più spesso, emergenze climatiche.
    46m 45s
  • Ro(to)lando per il mondo - Pride Croisette 2024

    6 JUN 2024 · Un'intervista per parlare di come si possono superar barriere di ogni tipo con una persona che ha fatto il giro del mondo in carrozzina. E viaggiamo con l'ospite nello splendido contesto della Pride Croisette 2024. Buon ascolto!
    35m 28s
  • Umberto Tozzi - Music Time

    3 JUN 2024 · Un cantante, un gruppo, 5 brani e tante curiosità. Oggi andiamo alla scoperta di Umberto tozzi. Buon ascolto!
    30m 17s
  • Ognuno fa Surf a modo suo: intervista a Blind Reverendo, Davide Colla e gli amici dell'Ostia Surf

    27 MAY 2024 · A Ognuno a modo suo 2024 si fanno incontri stra-ordinari. In questo podcast potete sentire le voci degli amici che hanno portato il surf inclusivo in questa splendida cornice.  E parliamo di surf a modo nostro, ossia parlando anche di tutt'altro: del percorso musicale di Blind Reverendo (e ci sentiremo la sua splendida musica) e del libro di Davide Colla. Entrambi surfisti, presentati dal loro manager Valerio che ci spiega il senso di fare surf 'ognuno a modo suo.
    24m 27s
  • Radio Gaia a Ognuno a modo suo 2024

    27 MAY 2024 · A Ognuno a modo suo 2024 abbiamo incontrato una giovane amica di radio32, Gaia.  Gaia, suo malgrado, è diventata una vera e propria star. Per due anni, infatti, non ha potuto frequentare la scuola, in quanto comune e regione non riuscivano a organizzarsi per trovare un infermiere che, come sancito dalla legge, garantisse il diritto allo studio di questa ragazza. https://www.youtube.com/watch?v=06XIGPrTw7k    Gaia per fortuna e per caparbietà, ora va a scuola. Impara le tabelline e la divina commedia e insegna la bellezza della diversità a compagni di scuola e professori.
    20m 23s
  • Ognuno a modo suo 2024 - Prima giornata di interviste

    25 MAY 2024 · Radio 32 ci partecipa 'a modo suo'. Buon ascolto!
    50m 46s
  • Cos'è una consulenza filosofica? Ne parliamo con il dott. Federico Virgilio. I lunedì di radio 32

    23 MAY 2024 · Federico Virgilio è consulente filosofico impegnato da anni nella divulgazione e valorizzazione delle pratiche filosofiche. Ha partecipato a convegni e momenti culturali di rilevanza nazionale, riguardo la pratica filosofica. Formatore S.U.C.F. (Scuola Umbra di Consulenza Filosofica), svolge attività culturali (Caffè filosofico, passeggiate filosofiche), attività consulenziale e di gruppo in diversi contesti professionali”. Docente di filosofia presso l'Università Popolare di Tor Pignattara, parliamo del suo corso, una vera e propria occasione di scambio e di pratica filosofica dialogica per superare i problemi che la vita ci pone attraverso l'arte della domanda. Con lui parliamo di argomenti profondi e complessi: la felicità, la normalità, l'identità e molto altro ancora. Buon ascolto
    1h 22m 20s

https://radio32.net/associazione-di-psicologia-clinica-ipse-lab/è un progetto di comunicazione sociale e multimediale volto a favorire una connessione intelligente tra le persone attraverso un utilizzo strategico dei nuovi media. Una radio inclusiva, che fa dell’inclusione...

show more
Radio 32 - La radio che Ascolta è un progetto di comunicazione sociale e multimediale volto a favorire una connessione intelligente tra le persone attraverso un utilizzo strategico dei nuovi media.

Una radio inclusiva, che fa dell’inclusione la propria battaglia, come strada per migliorare la società e la convivenza civile nelle nostre comunità, formata da un gruppo lavoro composto da operatori sanitari, cittadini, attivisti, persone con disabilità e/o fragilità socio-sanitaria, professionisti della comunicazione.

Il filo comune di questi diversi modi di connettersi e comunicare, che ci lega assieme in questa esperienza, è l’idea di voler promuovere una comunità, e di conseguenza una società, capace di prendersi realmente cura delle persone in difficoltà, non delegando a ‘tecniche’ o ‘farmaci’, la cura e l’ascolto che solo le persone possono dare.

In che modo? Promuovendo un approccio innovativo, una rivoluzione culturale, nell’ambito dell’assistenza delle persone che vivono un problema socio-sanitario complesso.
Per una salute intersezionale.

Il nostro manifesto

Radio 32 nasce dalla volontà di cittadini, professionisti e volontari di affrontare le fondamentali questioni legate alla tutela della salute da una prospettiva diversa, in grado di mettere veramente al centro la persona prima dei sintomi e delle malattie.
Radio 32 è una radio comunitaria, che vuole essere un’ottima ‘scusa’ per connettersi e creare reti informali, formali, territoriali e/o istituzionali.
Reti di cittadini che in nome dell’articolo 32 della Costituzione italiana si impegnano ogni giorno per tutelare veramente la salute delle persone e della nostra società.
Da qui la nostra attenzione verso le parole.
Handiccapato, matto, tossico, migrante, vecchio, malato, disoccupato sono solo alcune delle tantissime ‘categorie‘ con cui etichettiamo ‘chi non ce la fa‘.
‘Parole’ che racchiudono vite singolari e particolari, perché dietro tutte queste ‘etichette’ ci sono persone: con le loro storie, i loro obiettivi e i loro difetti.
E percepirlo non lascia indifferenti.
Riteniamo che mettere al centro queste esistenze sia fondamentale per migliorare radicalmente la condizione esistenziale di tutti. Perché la medicina, da sola, può ben poco.
Serve un sistema di cura basato sulla collettività e vogliamo favorire una rivoluzione culturale, un cambio di paradigma, nel mondo dell’assistenza e del supporto alle persone con un disagio fisico e/o mentale.
Perché essere malati, oggi, è soprattutto un fastidio sociale.
La povertà è divenuta una malattia, così come la vecchiaia.
Anche emigrare, grande tradizione del nostro paese, è divenuta una malattia.
Malati, inesorabilmente, divengono coloro che per professione si occupano dei marginali, di coloro che presentano “patologie sociali e relazionali” non curabili con un analgesico.

Radio 32 sarà un orecchio attento in un mondo dove, a dispetto del moltiplicarsi delle voci e degli strumenti di espressione, la capacità di ascoltare è sempre più rara.
E faremo tutto questo con il sorriso: il primo vero atto di prevenzione, il primo atto di cura, il gesto forse più rivoluzionario in questo preciso momento storico.”

Radio 32
show less
Information
Author Ipse Lab APS
Categories Non-Profit
Website -
Email -

Looks like you don't have any active episode

Browse Spreaker Catalogue to discover great new content

Current

Looks like you don't have any episodes in your queue

Browse Spreaker Catalogue to discover great new content

Next Up

Episode Cover Episode Cover

It's so quiet here...

Time to discover new episodes!

Discover
Your Library
Search