Settings
Light Theme
Dark Theme
  • Giro Next Gen, Scirea: «Grande occasione per gli azzurri, prendano esempio da Piganzoli e Pellizzari»

    8 JUN 2024 · È arrivato il momento del Giro Next Gen, che scatterà domani con una cronometro individuale ad Aosta e si concluderà domenica 16 a Forlimpopoli. Con Mario Scirea, ex professionista e oggi collaboratore tecnico del cittì degli Under 23 Marino Amadori, abbiamo parlato del percorso e dei possibili protagonisti, a partire dai sei corridori che parteciperanno con la maglia della nazionale, e che il lombardo guiderà dall’ammiraglia. Ma ora premi play e ascolta una nuova puntata del podcast di Bicisport, “Una voce in fuga”.
    14m 57s
  • Moreno Moser: «Pogacar? Fa appassionare al ciclismo anche chi non lo segue. Su Tiberi...»

    22 MAY 2024 · Solo un ex corridore può commentare la critica di Ben O'Connor al Giro d'Italia 2024 («Una delle gare peggio organizzate al mondo»), ma Moreno Moser è molto più di un semplice ex professionista: l'occhio critico affinato come commentatore di Eurosport ci dà spunti interessanti sulle imprese di Tadej Pogacar («Grazie a lui anche gli amici che non seguono il ciclismo mi chiedono che cosa succede al Giro»), su Antonio Tiberi («Nibali ha ragione, lo aspetta un grande futuro») e su tanti altri aspetti di questa Corsa Rosa. Ma ora premi play e ascolta l’ultima puntata di “Una voce in fuga“, il podcast di Bicisport!
    17m 13s
  • Parigi-Roubaix, Tafi: «Quella chicane è pericolosa. Van der Poel, occhio a Philipsen»

    5 APR 2024 · Manca ormai pochissimo alla Parigi-Roubaix e chi meglio di Andrea Tafi può raccontarci le insidie e le bellezze di una corsa così spettacolare. Con l'ex campione italiano chiacchieriamo dei principali protagonisti al via, ma anche del grande tema sicurezza che sta tenendo il banco in questi giorni. La chicane prima della https://www.quibicisport.it/2024/04/04/parigi-roubaix-van-der-poel-contro-la-chicane-prima-di-arenberg-e-uno-scherzo/ sarà utile per rallentare la marcia dei corridori oppure rischia di creare ancora più pericoli?
    18m 49s
  • Oss: «Van Aert soffre Van der Poel, Pogacar prima o poi deve correre la Roubaix»

    26 MAR 2024 · Tredici partecipazioni sia al Giro delle Fiandre che alla Parigi-Roubaix rappresentano un bagaglio d'esperienza che pochi corridori possono vantare. Daniel Oss (che ha nella Ronde la sua corsa preferita) parla volentieri delle imminenti monumento del Nord: cosa dobbiamo aspettarci? «Senza dubbio un grande spettacolo: è facile prevedere gare che si accenderanno a tanti chilometri dall'arrivo. Van der Poel è il più forte, ma non mi pare che possa contare su una grande squadra. Il team più valido è sicuramente la Lidl-Trek con Pedersen, Stuyven e il giovane Milan, una potenza della natura. Van Aert? Per me è fortissimo, ma evidentemente soffre la presenza di Van der Poel e spreca in continuazione energie e occasioni. Ganna che salta la Roubaix? Lo comprendo, l'anno olimpico è molto delicato per gli atleti coinvolti. Pogacar? Prima o poi deve assolutamente cimentarsi sulle pietre dell'Inferno. Gli italiani? Secondo me abbiamo delle ottime chance: Trentin si districa benissimo nel caos e Bettiol ha dimostrato di attraversare un ottimo periodo di forma. Sono fiducioso, mi piace tifare Italia».
    19m 12s
  • Beppe Conti: «Pogacar sarà il prossimo a vincere Giro-Tour e le cinque monumento»

    7 MAR 2024 · Sabato alla Strade Bianche abbiamo assistito a una delle prove di forza più belle e assurde della storia del ciclismo. Tadej Pogacar, al debutto stagionale, è stato in grado di https://www.quibicisport.it/2024/03/02/strade-bianche-2024-pogacar-attacca-la-diretta-minuto-per-minuto-su-quibicisport-it-live/ per andare a vincere la corsa toscana. Per analizzare meglio l'impressa dello sloveno e per provare a fare un paragone con le gesta dei campioni del passato, ma anche qualche confronto con i fenomeni del presente, abbiamo sentito Beppe Conti (penna storica del ciclismo e pozzo di conoscenza del passato delle due ruote).
    22m 2s
  • Chiappucci: «Pogacar è più forte di Vingegaard. I campioni di oggi saranno meno longevi»

    23 FEB 2024 · Entriamo nel vivo della prima parte di stagione con Claudio Chiappucci. Gli scalatori iniziano il percorso di preparazione verso i grandi Giri e con El Diablo, oltre che parlare dei duelli che ci aspettano e delle possibili sorprese, ci confrontiamo su diversi temi d'attualità. Dalla crescita dei giovani al rapporto dei corridori con il pubblico, con uno sguardo alle differenze tra il ciclismo di ieri e quello di oggi. Ma Chiappucci è d'accordo: il comune denominatore resta la fatica. Infine, il ricordo di Marco Pantani, a vent'anni dalla sua scomparsa. Fu suo compagno di squadra alla Carrera dal 1992 al 1996.
    24m 34s
  • Dagnoni esclusivo: «I 5 euro? Un’idea dei comitati regionali»

    21 FEB 2024 · Abbiamo voluto ascoltare il presidente della Federazione, Cordiano Dagnoni, alla luce delle tante polemiche nate sulla delibera che prevede la possibilità da parte degli organizzatori di chiedere un contributo per l'iscrizione alla gara fino a 5 euro, spiegare le motivazioni che hanno portato alla delibera presidenziale. Chiare le sue motivazioni che coinvolgono innanzitutto i comitati regionali, restano le perplessità sulla possibilità di rendere più costosa l'attività giovanile che andrebbe invece, a nostro avviso, promossa in ogni maniera.
    8m 2s
  • Tre generazioni a confronto: la redazione di Bicisport ricorda Pantani

    14 FEB 2024 · Sono passati già vent'anni dal quel 14 febbraio del 2004, quando nella sua stanza, la 5D, del residence Le Rose, a Rimini, venne trovato il corpo senza vita di Marco Pantani. Cosa fosse andato a fare Pantani in quell’alberghetto sul mare a venti chilometri da casa è qualcosa che ha riempito le cronache anche giudiziarie degli ultimi vent’anni. Noi di Bicisport, però, non vogliamo parlare di quel che accadde quel giorno. Quello che oggi vogliamo fare è provare a raccontarvi il nostro Marco Pantani. Qualcuno lo ha conosciuto, qualcuno lo ha amato guardandolo in tivù, altri erano troppo piccoli per ricordarselo vivo. Ma tutti insieme possiamo cercare di capire perché Pantani sia ancora vivo nei cuori della gente vent’anni dopo la sua tragica fine. Proprio per fare ciò nell'ultima settimana abbiamo anche sentito le testimonianze di chi lo ha conosciuto più da vicino e raccolte nelle interviste uscite negli ultimi giorni sul sito. Ma ora premi play e ascolta la nuova puntata di “Una voce in fuga”, il podcast di https://www.facebook.com/bs.bicisport/, dedicato al "Pirata" Marco Pantani!
    34m 41s
  • Viezzi sulla vittoria Mondiale: «Sotto il traguardo mi sono chiesto perché proprio io»

    5 FEB 2024 · A poco più di 24 ore dal fantastico successo di domenica mattina, abbiamo intervistato il giovanissimo Stefano Viezzi. Dopo la vittoria in Coppa del Mondo juniores, il classe 2006 friulano era uno dei grandi favoriti anche per conquistare i Mondiali di Ciclocross di Tabor. Viezzi non ha deluso le attese conducendo una gara tutta davanti e andando a vincere la maglia iridata di categoria, che in Italia mancava dal successo di Davide Malacarne del 2005. Nella nuova puntata del podcast di Bicisport, Viezzi ci ha raccontato le emozioni e le sensazioni vissute prima, durante e dopo la corsa. Stefano ha anche espresso una dedica speciale e rivelato cosa gli riserverà il futuro, dopo una merita pausa di qualche giorno.
    10m 16s
Interviste, racconti, curiosità e segreti con i protagonisti del Grande Ciclismo di ieri, oggi e domani
Contacts
Information

Looks like you don't have any active episode

Browse Spreaker Catalogue to discover great new content

Current

Looks like you don't have any episodes in your queue

Browse Spreaker Catalogue to discover great new content

Next Up

Episode Cover Episode Cover

It's so quiet here...

Time to discover new episodes!

Discover
Your Library
Search