00:00
02:05
Ragazzi, ma lo sapete che quando dite a vostro figlio: «Monello! Eh, lui è monello!» vostro figlio diventerà un monello? Perché vostro figlio farà quello che voi gli dite! Quindi, dire che vostro figlio è monello piuttosto che dire che è un bravo bambino magari anche di fronte ad altre persone significherà che vostro figlio diventerà molto verosimilmente un monello perché si sentirà legittimato a essere monello, a fare quello che i genitori gli dicono. Poi non ci meravigliamo se i nostri figli fanno delle cose che non vanno bene, gli abbiamo detto che erano monelli!

Urlare a vostro figlio: «Ah! Ti ho detto che non si fa così, hai capito?» proprio mentre vostro figlio magari sta urlando, significherà legittimare le urla, quindi significherà dirgli una cosa e farne un’altra, significherà legittimare esattamente il comportamento che voi state criticando.

Picchiare vostro figlio quando vostro figlio magari picchia un compagno significherà fargli capire esattamente il contrario, cioè che si può picchiare! Quindi, voi dite qualcosa e fate altro!

Vostro figlio imparerà quello che voi fate, non quello che dite.

Vostro figlio va incoraggiato, va educato con l’esempio.

Per esempio, portarselo nei viaggi significa dargli valore; lasciarlo a casa con la nonna perché magari vi dà fastidio significherà farlo sentire un inetto.

Paragonarlo sempre agli altri, ai figli degli amici, significherà farlo sentire un inetto.

Poi ci stupiamo che da grande nostro figlio non abbia autostima: «Come mai questo bambino non ha autostima?» E certo! L’abbiamo lasciato sempre a casa, l’abbiamo fatto sentire inferiore agli altri, non gli abbiamo dato valore.

Dire a vostro figlio la verità, coinvolgerlo nelle questioni familiari significa farlo sentire importante. Nascondergli le cose oppure omettere questioni di famiglia perché tanto è un bambino e non capisce significherà farlo crescere con l’idea di non valere nulla.

Piccoli accorgimenti quando abbiamo a che fare con i nostri figli.

Forza, ragazzi, svegliamoci!
Ragazzi, ma lo sapete che quando dite a vostro figlio: «Monello! Eh, lui è monello!» vostro figlio diventerà un monello? Perché vostro figlio farà quello che voi gli dite! Quindi, dire che vostro figlio è monello piuttosto che dire che è un bravo bambino magari anche di fronte ad altre persone significherà che vostro figlio diventerà molto verosimilmente un monello perché si sentirà legittimato a essere monello, a fare quello che i genitori gli dicono. Poi non ci meravigliamo se i nostri figli fanno delle cose che non vanno bene, gli abbiamo detto che erano monelli! Urlare a vostro figlio: «Ah! Ti ho detto che non si fa così, hai capito?» proprio mentre vostro figlio magari sta urlando, significherà legittimare le urla, quindi significherà dirgli una cosa e farne un’altra, significherà legittimare esattamente il comportamento che voi state criticando. Picchiare vostro figlio quando vostro figlio magari picchia un compagno significherà fargli capire esattamente il contrario, cioè che si può picchiare! Quindi, voi dite qualcosa e fate altro! Vostro figlio imparerà quello che voi fate, non quello che dite. Vostro figlio va incoraggiato, va educato con l’esempio. Per esempio, portarselo nei viaggi significa dargli valore; lasciarlo a casa con la nonna perché magari vi dà fastidio significherà farlo sentire un inetto. Paragonarlo sempre agli altri, ai figli degli amici, significherà farlo sentire un inetto. Poi ci stupiamo che da grande nostro figlio non abbia autostima: «Come mai questo bambino non ha autostima?» E certo! L’abbiamo lasciato sempre a casa, l’abbiamo fatto sentire inferiore agli altri, non gli abbiamo dato valore. Dire a vostro figlio la verità, coinvolgerlo nelle questioni familiari significa farlo sentire importante. Nascondergli le cose oppure omettere questioni di famiglia perché tanto è un bambino e non capisce significherà farlo crescere con l’idea di non valere nulla. Piccoli accorgimenti quando abbiamo a che fare con i nostri figli. Forza, ragazzi, svegliamoci! read more read less

4 months ago #educazione, #famiglia, #figli, #genitori, #monello