00:00
08:31
Al Telefono con l’artista Mario Cresci (Chiavari, 1942). Nell’intervista con Donatella
Giordano l’artista parla del suo lavoro ricordando i primi esperimenti fotografici e il
lungo processo che lo ha portato a sviluppare il suo percorso. Attualmente in mostra
al Museo MAXXI di Roma. L’esposizione approfondisce la ricerca di un’importante
protagonista della sperimentazione sul linguaggio fotografico e si concentra sulla
lunga esperienza di Cresci in Basilicata tra il 1967 e gli anni Ottanta. Troverai altri
contenuti su Instagram: monologhialtelefono.artribune . Monologhi al Telefono è una
rubrica di Donatella Giordano che raccoglie interviste agli artisti. L’intervista viene
registrata integralmente ma la pubblicazione avviene in seguito a un attento processo
di editing che trasforma la conversazione in un monologo. Questo riadattamento
nasce con l’idea di trasformare l’utente in interlocutore, che avrà così l’impressione
di trovarsi al telefono con l’artista. Il sistema applicato vuole superare il concetto
dell’intervista classica a favore di un approccio che azzera la distanze e contamina
due formati: il podcast e la telefonata.
Al Telefono con l’artista Mario Cresci (Chiavari, 1942). Nell’intervista con Donatella Giordano l’artista parla del suo lavoro ricordando i primi esperimenti fotografici e il lungo processo che lo ha portato a sviluppare il suo percorso. Attualmente in mostra al Museo MAXXI di Roma. L’esposizione approfondisce la ricerca di un’importante protagonista della sperimentazione sul linguaggio fotografico e si concentra sulla lunga esperienza di Cresci in Basilicata tra il 1967 e gli anni Ottanta. Troverai altri contenuti su Instagram: monologhialtelefono.artribune . Monologhi al Telefono è una rubrica di Donatella Giordano che raccoglie interviste agli artisti. L’intervista viene registrata integralmente ma la pubblicazione avviene in seguito a un attento processo di editing che trasforma la conversazione in un monologo. Questo riadattamento nasce con l’idea di trasformare l’utente in interlocutore, che avrà così l’impressione di trovarsi al telefono con l’artista. Il sistema applicato vuole superare il concetto dell’intervista classica a favore di un approccio che azzera la distanze e contamina due formati: il podcast e la telefonata. read more read less

9 months ago