La fragilità tra le bianche mura di Gerusalemme produce tensione e scontri

Apr 24, 2022 · 12m 46s
La fragilità tra le bianche mura di Gerusalemme produce tensione e scontri
Description

https://ogzero.org/sostieni-ogzero/#toggle-id-2 La nuova miccia per nuovi scontri, e nuovi razzi e nuove reazioni spropositate di Tzahal: durante il ramadan, la pasqua ebraica e quelle cristiane basta un cerino ed esplode...

show more
https://ogzero.org/sostieni-ogzero/#toggle-id-2
La nuova miccia per nuovi scontri, e nuovi razzi e nuove reazioni spropositate di Tzahal: durante il ramadan, la pasqua ebraica e quelle cristiane basta un cerino ed esplode tutto. Gerusalemme ovvio epicentro per rivendicarne il controllo. Eric Salerno ha affrontato questo aspetto di petto in “Gerusalemme”, il libro incentrato sulla urbanistica e la geopolitica gerosolimitane e lo riprende in questo intervento per la trasmissione Prisma di Radio Popolare, incalzato da Lorenza Ghedini e Roberto Maggioni (https://www.radiopopolare.it/podcast/prisma-di-ven-22-04-22/).
Ma questo punto di vista è colto anche da Lorenzo Santucci, il quale lo riassume nella sua recensione del volume per l’Huffington Post del 23 aprile: «La domanda che accompagna il lettore per tutte le pagine, a un tratto viene messa nero su bianco da Salerno: “A chi appartiene Gerusalemme?”. Agli ebrei? Agli arabi? O ai cristiani? Una delle risposte arriva da un suo incontro con Sari Nusseibeh, ex presidente dell’Università Al-Quds, in quella Gerusalemme Est diventata terreno di scontro dopo la guerra dei sei giorni nel giugno 1967 con cui Israele occupò la parte orientale della città sotto controllo giordano. Nella storia di Gerusalemme esiste infatti un prima e un dopo la guerra dei sei giorni: nell’architettura, nella demografia e nell’estremismo religioso che, insieme, hanno peggiorato la vita di chi la abita.
I dati parlano di una povertà che interessa tanto gli ebrei ortodossi quanto i palestinesi, i primi “perché si autoisolano” e i secondi in quanto “vittime del conflitto e di scelte precise da parte dell’amministrazione israeliana”» (https://www.huffingtonpost.it/esteri/2022/04/23/news/gerusalemme_architettura_politicizzata_estremismo_religioso_e_demografia-9246469/).

I paesi arabi come da 50 anni stigmatizzano, parlano per sollevare polveroni, ma poi dietro al polverone lasciano che il piano sionista prosegua in Cisgiordania e Gerusalemme Est, dove le elite palestinesi si arricchiscono e le forze giovani sono alla disperazione, mentre gli ultraortodossi e i coloni cercano di espandere il controllo del territorio; infatti prosegue Lorenzo Santucci: «La necessità per il nazionalismo israeliano è quella di trovare sempre e dovunque un nemico “per portare avanti il loro progetto, consolidare l’occupazione e rendere sempre meno proponibile la condivisione di Gerusalemme”. Per riuscirci, nel corso degli ultimi decenni si è affidata all’architettura e ai suoi interpreti». La divisione del territorio occupato in una maniera urbanisticamente più edulcorata, in modo da eliminare il più possibile lo scontro diretto tra gli abitanti, i colonizzatori israeliani e la popolazione locale rinchiusa in specie di bantustan, facendo sbiadire l'identità della comunità palestinese e «lL’urbanistica può trasformarsi in un’arma di esclusione di parte della popolazione, anche se si tratta di un terzo di quella complessiva, come nel caso palestinesi. Ma a Gerusalemme, “l’arte dell’urbanistica è stata affinata come proseguimento della politica con mezzi non militari”, scrive Salerno» e ribadisce Santucci.
show less
Information
Author OGzero - Orizzonti geopolitici
Website -
Tags

Looks like you don't have any active episode

Browse Spreaker Catalogue to discover great new content

Current

Podcast Cover

Looks like you don't have any episodes in your queue

Browse Spreaker Catalogue to discover great new content

Next Up

Episode Cover Episode Cover

It's so quiet here...

Time to discover new episodes!

Discover
Your Library
Search